Galameo

Biobar
image

Inzuppare i biscotti nel latte è un gesto bellissimo, spesso familiare e rassicurante tanto da avere il profumo delle colazioni fatte in casa. Una buona abitudine da imparare fin da piccoli – pratica oltretutto capace in futuro di riaccendere anche le mattine più sbilenche – alla quale Galameo è particolarmente affezionata. Appena nato, Galameo è un nuovo marchio italiano dedicato alla buona tavola dei bambini per mangiare bene e riscoprire i sapori genuini di un tempo da subito. Niente conservanti, additivi o aromi artificiali e assente completamente è anche l’olio di palma nella linea di frollini artigianali creati per il buongiorno e per ogni momento della giornata. Allo stesso tempo golosi e leggeri, grazie alla piccola quantità di burro italiano, conquistano al primo morso non solo per la buonissima lista degli ingredienti ma anche per l’abbinamento a uno dei classici giochi della tradizione.Tris, Nomi cose e città e Dama accompagnano rispettivamente i Frollini al latte, i Frollini al cacao e i Frollini al latte e al cacao di Galameo. Un metodo utile per insegnare ad amare il buon cibo divertendosi a tavola ma non solo. Si continua infatti a giocare o comunque ad utilizzare il packaging a forma di secchiello da spiaggia che protegge la freschezza e il profumo dei biscotti, senza impiegare alcun sacchetto aggiunto. Per scoprire o rivivere il gusto dei biscotti fatti in casa che una volta inzuppati non si sbriciolano, restano invece intatti e perfetti come appena sfornati. Pensato invece per la pasta e la pizza è Il Sugo di Galameo: una vellutata dolce, delicata, fresca e profumata di pomodoro, passata a poche ore dal raccolto e preparata con un filo d’olio extravergine d’oliva insieme a qualche fogliolina di basilico è un ingrediente irrinunciabile nei piatti più amati dai bambini. Un progetto per imparare o riscoprire l’ABC del mangiar sano, nasce così Galameo da un’idea di Dario Meo: “Sono nato e cresciuto circondato da persone che hanno sempre avuto un rapporto positivo e ottimistico con il cibo. Ho imparato a vivere il cibo in maniera armonica ed è quello che poi da adulto cerco di trasmettere ai miei figli ogni giorno. Il cibo inteso come piacere che non inizia e termina con l’assaggio ed il gusto, ma che parte dalla conoscenza di come è stato prodotto, di chi lo ha prodotto e di come è arrivato fino a me, a noi”. Healthy ama chi ama la buona tavola!